DA NON PERDERE:

DA NON PERDERE:



Benvenuti alla 14° edizione della Sagra

 

Eh sì...quest'anno l'"Associazione Parco Piscina di Nera Montoro" organizza la quattordicesima edizione della "Sagra del Fiore di Zucca"

Trentatre anni passati insieme, accumunati dalla voglia di unione, di perseguire scopi comuni, di riscoprire forme di socialità e di partecipazione, di organizzare e realizzare iniziative per il raggiungimento di obiettivi sociali. E' per questo scopo, infatti, che nasce la nostra Associazione: organizzare iniziative, servizi, attività culturali, sportive, turistiche, ricreative atte a soddisfare le esigenze di conoscenza, svago e di riposo dei soci e dei cittadini. Negli anni trascorsi abbiamo assistito ad un progressivo incremento delle attività e delle strutture realizzato grazie all'apporto dei soci e volontari che sono stati sempre la vera forza di questa Associazione. Ed e' a questo gruppo così unito e forte che va il riconoscimento per lo sviluppo dell'Associazione stessa. La Piscina, insieme con il suo parco, e' quella che più ci rappresenta ed e' intorno ad essa che si sono sempre sviluppate tutte le iniziative e manifestazioni.

Nera Montoro

Il paese nasce tra il 1930 e il 1931 per volontà della Società Terni Industrie Chimiche. E’ la mattina del 4 ottobre 1930 quando, alla presenza delle autorità, avviene la cerimonia di posa della prima pietra. Il 14 agosto 1931, meno di un anno dopo, il villaggio di Nera Montoro è ultimato. “A Nera Montoro è sorto un villaggio per maestranze e impiegati dello stabilimento elettrochimico; ridente teoria di case e villini costruiti alla balza di un colle, “Pellea”, ove in nobile gara fioriscono giardini e viali, dando allo spirito e al corpo quel sano conforto che inutilmente si cercherebbe nelle abitazioni di città. La Soc. Terni ha curato queste eleganti e moderne costruzioni, dotandole di tutto il necessario, onde la vita dei suoi dipendenti si elevi sempre più in una maggiore comprensione ed (in) una coscienza più elevata del proprio dovere”, così recita la stampa del tempo, per il successo del primo esperimento socio/urbanistico. Il paese fu rifinito con la dotazione di una Piscina “Olimpionica” e finito con la Chiesa di San Giuseppe. Dal 1950 al 1972 il villaggio ebbe un’espansione con nuove costruzioni, che si svilupparono a Nord della Chiesa, formando così l’attuale paese. Il paese, “la cosa più abbondante che c’è sulla terra” (secondo lo scrittore portoghese Josè Saramago), circonda la nostra vita, ne peggiora o migliora la qualità esaltando le concezioni del brutto e del bello. L’Associazione vi ha sempre prestato attenzione. Il paese costituisce l’irrinunciabile archivio della nostra memoria storica.

COSA DICONO DI NOI?

Entrate nella nostra pagina FaceBook e vedrete!

- NON PERDETEVI QUESTA SAGRA!!!  SI MANGIANO LE FRITTELLE DI FIORI DI ZUCCA PIU' BUONI CHE AVETE MAI PROVATO!

 Seguici su Facebook